Politica

Pensione anticipata, ultimissime novità

Il sistema pensionistico italiano potrebbe subire ulteriori cambiamenti, dopo le proteste di sabato scorso contro la legge Fornero Pensione anticipata, ultimissime novità

La Riforma delle pensioni Fornero del 2011 è stata una delle leggi meno amate dal popolo italiano. A dimostrazione di ciò ci sono le numerose proteste in piazza che nel corso degli anni si sono susseguite: l'ultima, in ordine cronologico, ha avuto luogo a Roma lo scorso sabato.

 

I punti cardine sui quali si è poggiata quest'ultima protesta sono due: la pensione anticipata con la quota 41 e la proroga dell'Opzione Donna.

 

Secondo quanto prevista dalla pensione anticipata, le donne possono richiedere il collocamento a riposo da quando possiedono 41 anni e 10 mesi di contributi; l'uomo può invece farne richiesta quando avrà maturato 42 anni e 10 mesi di contributi. In questo caso il pagamento dei contributi non è legato o vincolato all'età anagrafica della persona.

 

I requisiti che permettono di andare in pensione varieranno di tanto in tanto, con degli incrementi mensili (4 mesi a partire dal 2019, ulteriori 3 mesi dal 2021).

 

Grazie alla proposta 41, invece, ogni persona con 41 anni di contributi alle spalle potrebbe andare in pensione. La messa in atto di questa piccola rivoluzione del sistema pensionistico non sarebbe di difficile attuazione, almeno in teoria. Sì perché, nella pratica, rimarrebbe il problema delle cosiddette 'pensioni d'oro', pagate dai contributi che i lavoratori ogni anno versano.

 

Una donna, qualora decidesse di andare anticipatamente in pensione, potrebbe ricorrere all''Opzione Donna': questo particolare regime della Legge Maroni, permette alle donne di andare in pensione con 35 anni di contributi, purché abbiano un età pari o superiore a 57 anni e 3 mesi (aumentata a 58 anni e 3 mesi per le lavoratrici autonome). In questo caso, la pensione verrà calcolata solo in base ai contributi versati, scelta piuttosto penalizzante.

 

Insomma, si spera che questa sia la volta buona per un cambio radicale del sistema pensionistico italiano.

 

Tu che cosa ne pensi? Vota il sondaggio qui sotto.

[foto: dgmag .it]

Sei contento di queste novità?

Codice da incorporare Normale Grande

Advertisement

Potrebbero interessarti anche:
Commenta