Animali & Co.

Dal 2016 Cina inizierà clonazione animali

Da 2016 la Cina avvierà ufficialmente la clonazione degli animali. No, non è un film... Dal 2016 Cina inizierà clonazione animali

Dal 2016, una fabbrica cinese comincerà a clonare animali, per ora solo bovini, a un ritmo di 100.000 unità all'anno. Il numero, nell'arco di qualche anno, dovrebbe aumentare sino a 1 milione di esemplari prodotti.

 

Gli scienziati stanno anche cercando di migliorare la qualità degli animali, in modo da poter incontrare anche il favore dell'opinione pubblica, da sempre restia ad accettare questioni del genere.

 

Com'è facilmente comprensibile il fine primo di questa nuova attività, non sarebbe quello di eliminare il problema della malnutrizione: dietro a tale business, difatti, ci sarebbero interessi economici quanto mai rilevanti. L'investimento per la costruzione della 'fabbrica' sarà di circa 200 milioni di Yen. Già un laboratorio di clonazione era stato aperto nella provincia di Shandong nel 2014.

 

Il complesso in cui verranno creati gli animali comprenderà anche una banca del gene, un centro clonazione e un museo, nel quale verranno mostrati i processi tramite cui avviene la clonazione degli animali.

 

Entro Giugno del prossimo anno, inoltre, verranno clonati anche cavalli da corsa, ovini e suini.

 

Tutte le bestie che usciranno dai laboratori avranno due 'funzioni' principali: il miglioramento della razza e dovranno far fronte al fabbisogno della popolazione cinese, in continua crescita.

 

Secondo quanto dichiarato dal presidente di Boyalife, questo progetto in futuro potrebbe avere anche dei fini più etici: sembra infatti che tra qualche anno gli scienziati potrebbero riuscire a clonare anche specie che rischiano l'estinzione, tra cui l'animale simbolo della Cina, il panda gigante.

Codice da incorporare Normale Grande

Advertisement

Potrebbero interessarti anche:
Commenta